volevo parlare di Tiziano Ferro…ma…

Pubblicato: 7 ottobre 2010 in IoMe
Tag:, , ,

ne parlan già tutti e fin troppo!

Annunci
commenti
  1. Skymino ha detto:

    In effetti… ahahahhaha sentito la littizzetto?

  2. Dna Sconosciuto ha detto:

    Vedi, Elfo, questo è un problema tutto italiano: in altre nazioni, non è nemmeno necessario fare un “coming out”. In primis, perché non s’interessano (com’è giusto che sia) alla tua vita personale; in secondo luogo, la cosa non farebbe notizia. So che sono ripetitivo, ma prendi, solo a titolo d’esempio, l’Olanda: lì i gay e le lesbiche hanno una vita né più né meno che normale. Si sposano, hanno figli e conducono una vita quasi “banale”, quella “banalità” e “normalità” che in Italia farebbe tanto scalpore.
    Lì non c’è nemmeno bisogno di parlare di “famiglie arcobaleno” o di “matrimonio gay”: lì esistono le famiglie ed il matrimonio, punto. Senza differenziazioni.
    Che Ferro fosse gay era già nell’aria ma, tralasciando il fatto che qualcuno potrebbe vederlo come un gesto “coraggioso”, bisogna ammettere che la sua è stata una mossa puramente commerciale, ben conscio che una cosa del genere l’avrebbe messo sotto i riflettori per un po’ di tempo. Dopotutto, se ci fai caso, era da un po’ che non si sentiva parlare di lui. Quindi, quale miglior modo per tornare al centro dell’attenzione se non un pettegolezzo sulla sua vita privata? In tal senso, e spero che mi scuserai, hanno ragione i “cattolici”: chissenefrega se va a letto con le donne o con gli uomini? È solo un modo per far parlare di sé. E la cosa triste è che ci è riuscito benissimo…
    Scusa lo sfogo, perché questo è stato; è solo un po’ (…) di nostalgia di Amsterdam, per EVIDENTI motivi che ben puoi immaginare e capire.

    Giancarlo

    • elfo00 ha detto:

      Posso esser daccordo su quasi tutto, tranne che il riferimento ai Cattolici. I Cattolici non voglion sapere solo perchè preferiscono non vedere. E questa non è accettazione ma insabbiamento. E’ molto diverso dall’esempio di vita sociale che in Olanda conducono i Gay!…Sarebbe anche molto interessante sapere la storia del movimento Gay in nord europa, ciò che ha fatto per arrivare a questo stato di cose. Potremmo aver qualcosa da imparare.

  3. Dna Sconosciuto ha detto:

    Elfo, effettivamente la Chiesa preferisce che si taccia su certe cose perché non vuol vedere, ma di fondo la frase (tralasciando ciò che c’è dietro, cioè valutandola in valore assoluto) aveva un suo senso.

    Per ciò che riguarda la comunità LGBT olandese, ti confesso che DI SICURO abbiamo qualcosa da imparare da loro, dato che ho conosciuto un po’ di gente lì che si fa un bel po’ di risate sia sulla politica che sulla comunità LGBT nostrana; per loro, il matrimonio (senza distinzione sul sesso tra coniugi) è una cosa PER TUTTI così talmente ovvia, che si meravigliano di come negli altri paesi non sia legale. Ed il merito di tutto ciò non è solo del Governo che fu, evidentemente, di “larghe” vedute ed umanità, ma anche (e soprattutto) loro che, in modo COMPATTO (altro che i ghei italiani, lasciamo sta’…) e SOBRIO, hanno saputo presentarsi all’opinione pubblica per quello che sono: gente comune e, giustamente, variegata come comunità. Ma pur sempre gente comune, perché questo siamo. Nulla più, nulla meno.

    Giancarlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...