Archivio per la categoria ‘IoMe’

Pausa di riflessione…

Pubblicato: 13 aprile 2011 in IoMe

…sceglier di fare la cosa giusta è sempre un gran dilemma o sbaglio? Daltronde non saremmo esseri imperfetti se sapessimo di default cosa è giusto e sbagliato. Soprattutto non sarebbero fiorite come funghi religioni e filosofie che ci potessero togliere dall’imbarazzo della scelta. Ma visto che nel nostro tempo ormai religioni e filosofie son sempre più lontane dal viver quotidiano e e sempre meno condizionano le nostre scelte, si ripropone il dilemma sul cosa fare. Dove finisce la libertà individuale e dove inizia il danno arrecato agli altri in nome di questa?

Lo penso da giorni. Ho un sentimento che mi strugge(mi adoro quando uso certi termini) e non so come agire. O meglio lo saprei pure ma la scelta metterebbe in moto cambiamenti che non ho voglia di affrontare. E’ inutle, la Morale è insita in noi esseri umani a prescindere. L’uomo sa benissimo cosa è male e cosa è bene. Il problema è prendersi la responsabilità delle proprie azioni. Eh si! Il grande problema dell’oggi e prendersi la propria responsabilità.

Devo sceglier se dire ad una persona che sono cotto marcio di lei. Questa persona è mia amica da tempo.

Devo scegliere se mantener l’ amicizia che pur va molto bene.

Deve scegliere se invece provarci e romper l’incanto della confidenza che abbiamo ora.

Devo scegliere di sbattergli la lingua in bocca a tradimento(vabbè scherzo, ma è l’ormone).

Insomma devo scegliere!

Tutto sto popò di ragionamento per una cazzata simile?…mi mando a cagare da solo. :-)))

…ed invece guarda un po’ che popò di regali!!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Acquario. La città di Stoccolma, in Svezia, è composta da 14 isole unite da più di 50 ponti. È un posto pulito e ricco di cultura, considerato uno dei migliori centri urbani del mondo. Spero che l’anno prossimo svilupperai una certa somiglianza con Stoccolma. Con un po’ di fortuna e la chiara intenzione di stringere legami nuovi e solidi, collegherai le molte zone frammentate della tua vita, creando una rete unificata per fare in modo che ogni parte sia in sintonia con il tutto. Anzi, definirei il 2011 il tuo Anno della costruzione di ponti.

Auguro anche a voi un anno nuovo pieno di ponti. Per andare o per tornare. Per scoprire e ritrovare.

C’è un isola nuova al di là…o forse è la stessa che visitasti anni fa ma che non ritrovavi più.

Buon nuovo anno in anticipo. Perchè se è vero che ancora il Natale deve passare, il Natale è festa di Gesù e se a Gesù pensi solo adesso è inutile che ti faccia gli auguri.

Quindi Buon Anno ragazzo/a, non temere usero questi stessi auguri fra 9 giorni.

chiudo!…

Pubblicato: 9 dicembre 2010 in IoMe