Posts contrassegnato dai tag ‘gay pride 2008’

Eccomi qui, a casetta mia, stanco, stanchissimo ma assai felice. Come sempre l’immersione nella mia comunità mi ricarica e mi commuove, mi da brividi di gioia e meraviglia. Non sono solo e posso sperare in un futuro migliore.

Ieri a Bologna c’era allegria, politica e impegno sociale, tutto condito da un gran caldo che non è pero riuscito a frenare la voglia di urlare all’Italia e non tanto al mondo, che ci siamo e vogliamo continuare ad esserci.

Noi LGBT c’eravamo ma una assenza si è colta su tutte, quella dei bolognesi!! Dov’erano i cittadini di Bologna? Tutti al mare? tutti in viale Indipendenza a far shoopping? Ricordo a Torino nel 2006 quanta gente avevamo ai bordi del corteo che seguiva con divertimento e curiosità il serpente arcobaleno!! Ieri a Bologna ho visto poca curiosità ed interesse da parte della città! Ma tant’è!

Dal palco Vladimir Luxuria ed il Presidente Arcigay mi han fatto venire i brividi, peccato che il discorso di Zaino non sia stato menzionato dagli organi di stampa perchè l’ho trovato particolarmnte ispirato e con le palle! Cosi come quello della Leader Arcilesbica Brandolini, ma ovviamente erano i meno accomodanti! Spero di poterne entrare in possesso per pubblicarli!

Poca eccentricità e provocazione, un serpente fatto di ragazzi e ragazze, transessuali, signori e signore,  che puoi incontrare ogni giorno nella vita normale, alla posta così come in coda al supermercato. Niente nudità ostentate e poco cuoio (a parte il carro di una discoteca, ma ci stà). Tante e tante ragazze come da tempo non ne vedevo, ricordo 10/15 anni fa quanto fosse difficile coinvolgere le lesbiche, ora son quasi più dei maschi.

Aggiungo il piacere di camminare con i miei amici: Angelo, Alessandro :-), Luca, Bruno e Mont. Anche loro lottano come me tutti i giorni, facendo politica con la loro vita quotidiana!

le foto:

 

Ore 15.30. Mensa Ikea, ora di merenda.

Di solito il mercoledì mentre bevo un succo di frutta e mangio qualcosina mi vedo quel bonacchiotto di Luca Fiamenghi che con i suoi occhi azzuri mi propone una delle tante Weblist in circolazione. Oggi è di scena il GayPride. :-O oh! ma vedi?…una rete televisiva che si rivolge ai giovanissimi, mi parla in modo più che rilassato di Gay Pride? Attenti oh voi di All Music, il clero è dietro l’angolo! Anche il Papa si vede quel pezzo di f… di Luca e potrebbe non gradire! 🙂

     

 

Insomma morale della favola il ragazzo propone di votare un video tra quelli segnalati sul sito dell rete televisiva per eleggere un ideale song ufficiale per la giornata dell’orgoglio omosessuale! Per ora vince la Aguilera con ”Beautifull” ma siam solo all’inizio. Io personalmente ho votato ”It’s Raining Men”, troppo allegra e delirante!

Sarà puro marketing, una strizzatina d’occhio?… O un sincero modo di dar spazio ad una diversità, ricchezza in cui loro credono?

 Intanto una song  ufficiale il Pride Nazionale ce l’ha già ed è ”Tango Diverso”, 😦 brano tratto da un vecchio film degli anni ’70: PATATA BOLLENTE che affrontava in maniera abbastanza equilibrata il tema ”avere un amico omosessuale”. Il testo del brano non è male, ma sinceramente lo trovo un po’ datato e soprattutto non lo avrei riproposto in versione originale, magari rifatto e riarrangiato…chissà.

 

Si, sto pensando di andare al Pride di Bologna. Almeno uno me lo devo fare, ci tengo. L’occasione di manifestare con migliaia di persone da tutta Italia e perchè no dall’estero non me la voglio perdere. Sò che mi commuoverò, qualche lacrima mi uscirà di sicuro, avrò la pelle d’oca e farò amicizia. Insomma sarò orgoglioso di farmi vedere alla luce del sole, in quanto Gay e persona ”normale” che come tutte le altre persone non gay vanno al mattino a lavorare, pagano le tasse e cagano da seduti 🙂

Penso anche al fastidio che proverò, quando vedrò i fotografi della stampa e le telecamere distogliere i loro obbiettivi da noi Gay ordinari e tranquilli (passatemi il termine) per dirigerli verso tutto ciò che falsamente sembra ogni anno, rappresentare la comunità omosessuale nelle sfilate Pride, parlo di tutti quei personaggi che arrivano belli ignudi, con le tette al vento o le più disparate mise, che dovrebbero esser parte privata di una camera da letto o al massimo di una festa trasgressiva in locale, e non certo per strada!

flickr-bianco/nero    flickr-ernesto-cinquenove    flickr-kamomillo   

Cosa cazzo centrano con l’orgoglio gay o trans o lesbo ???? Di cosa sono orgogliosi in questo momento queste persone? Dei loro seni rifatti, dei loro corpi statuari, di esser a Carnevale? boh! Siamo solo sesso e carne noi gay!? No, perchè se vogliamo avvalorare quest’idea non preoccupiamoci più di sostenerla perchè è già ben radicata!

E’ certo che ciò che ci viene rinfacciato come differenza inaccettabile dalla moralità diffusa è il fatto che si faccia sesso fra persone dello stesso genere, ma ciò non significa dover spiattellare ogni piè sospinto tutto quello che facciamo fra di noi in intimità. Già lo sanno grazie! Se poi vogliam passare come quelli che voglion una famiglia (??) o quelli che hanno diritto come tutti gli altri a camminare per strada mano nella mano, pensate veramente di ottenere questi diritti con le tette al vento o i dildos in bocca per strada? Io credo di no.

flickr-kamomillo        flickr-yeah-chia   

flickr-kamomillo    flickr-kamomillo    flickr-bluedeepblue

Penso che sfilare con i nosti corpi coperti di vestiti normali, sfilare con le parole ed i gesti come se fossero un prolungamento della nosra vita di tutti i giorni possano aiutare molto ma molto di più.

Ma molto molto di più!