Posts contrassegnato dai tag ‘Roma’

Una Mandria! Penso avessero quest’idea quelli del comune di Roma quando hanno organizzato i flussi d’ordine per entrare nel prato dell’Olimpico per assistere al concerto(?) di Madonna.

Neanche a Portecomaro ci sarebbero stati dei problemi simili. E’ pur vero che ho un età e certe cose ”forse” non le dovrei fare, ma passi l’attesa di ore sotto il sole, passi la sete, passi il coglione di turno che ti fischia perennemente e direttamente nell’orecchio. Non può però passare che per arrivare ai cancelli si debbano scavalcare transenne cadute a terra già dal giorno prima, non può passare che ci sia scritto sul biglietto ”APERTURA CANCELLI ORE 17.00” e puntualmente si apra un ora o due dopo. Non può passare che ancora si usi la tecnica dell’imbuto per smistare la folla…esistono consulenti per questo tipo di eventi. E poi l’imbuto non è formato da strutture fisse ma da persone, poliziotti che erano al limite dello sfinimento, poliziotti con la faccia spaventata, poliziotti che stavan per svenire e che avevan paura di avere l’assicura della pistola scattata. Un plauso a quei poveri ragazzoni (:-P) che han dovuto fare uno sforzo umano non indifferente nonostante molti coglioni e coglione li abbiano insultati e derisi.Per il resto, del concerto non posso dir molto, Madonna è ancora una garanzia, show impeccabile, lei è stata fin più umana del solito. Io tutto sto playback non l’ho notato, certo molto pre-recorded ma ha canticchiato come sa far lei.

Il suo è uno show non un concerto. Un po’ impacciata con i ritmi hip-hop molto a suo agio con la dance offcourse. Un nostro amico è stato là davanti proprio sotto al palco e ha fatto le foto che vedete. Una bellissima versione dance di Like a Prayer mi è rimasta impressa!

Le foto a seguire sono di Bora che ringrazio!

Bon ora chiudiamo dicendo al Comune di Roma di farsi un po’ di esame di coscienza, visto che su di essa ha dei feriti e che per poco così sarebbe potuto succedere di tutto!

Annunci

Rieccomi a parlare di visibilità, questa volta prendo spunto da un sito che mi ha fatto vedere un amico. Il sito web del Gruppo Pesce di Roma. L’ho trovato subito simpatico e gradevole, la grafica è molto ben pensata. Un sito che sprizza allegria e freschezza, leggerezza anche quando affronta argomenti non proprio allegri. In generale non sarebbe bello fosse così anche  la Sfilata del Pride ogni anno? Un evento allegro e light, normale nella sua gioiosità senza esser appesantito da discorsi in politichese o allusioni sessuali spinte.

Niente frasi ad effetto su questo sito, ma un parlato/scritto scorrevole. Cosi come nelle foto del Calendario (ogni anno ne esce uno), non modelli ma i componenti del gruppo, con i loro sorrisi. Nessuna foto trasuda sesso anche dove c’è un letto o un corteggiamento in atto. Sono descrizioni di vita normosessualmente vissuta.

Tra l’altro mentre ci siamo andiamo a cliccare su di un video che troviamo qui in fondo alla pagina, sembra che porti qualche soldino all’associazione che sicuramente ne ha bisogno. Come mi piace dire…l’unione fà la forza.